Itinerario da Castelletto di Branduzzo a Verretto
   
Nella piazza della chiesa a Castelletto di Branduzzo troviamo una lapide muraria (+45°04.226’, +09°05.911’) che ricorda 10 partigiani della Divisione “Aliotta” Brigata “Gramigna”: Celso Civardi (Cinelu), Ermanno Gabetta (Sandri), Battista Longhi, Ferruccio Luini, Giovanni Mussini (Bettino), Mario Rota (Cirillo), Giuseppe Barbieri, Candido Savi (Furio), Bernini Ambrogio e Alfredo Casarini (Puppo). Nel corso di questo stesso itinerario avremo occasione di visitare i luoghi dove persero la vita alcuni di loro.

Lasciata la piazza, in direzione di via Cesare Battisti, svoltiamo a destra e, poco oltre sulla facciata della casa prima della svolta a sinistra, troviamo la targa (+45°04.179’, +09°05.846’) dedicata ad Alfredo Casarini. Nel corso di un’incursione della Sicherheits nel caffè Croce di Castelletto era stato fermato Ambrogio Bernini che, torturato, era stato costretto a fare i nomi dei compagni Candido Savi e Alfredo Casarini. I tre arrestati vengono portati verso le carceri di Broni ma il Casarini viene subito ucciso in questo luogo.

Candido Savi viene invece ucciso tra Castelletto e Verretto in corrispondenza della Cascina Bronzina dove esiste, sul ciglio della strada, una croce (+45°03.174’, +9°06.127’) in suo ricordo. Ambrogio Bernini verrà ucciso poco dopo a Redavalle.

Proseguendo sempre sulla strada per Verretto, all’altezza della Cascina Veneta, sul ciglio destro della strada, c’è la croce (+45°03.378’, +09°05.895’) in ricordo di Desiderio Bosio di Pinarolo Po. Renitente alla leva ma invalido, viene sorpreso a notte inoltrata nel suo letto dalla Sicherheits e portato in questo luogo dove viene ucciso.

Dirigiamoci ora verso il cimitero dell’abitato di Verreto nel cui ingresso è posta una lapide muraria (+45°02.586’, +09°06.433’) che ricorda Mario Sforzini, vittima civile, ucciso a Casteggio dallo scoppio di una bomba a mano lanciata da un fascista in fuga.

Visitiamo ora il Sacrario Partigiano posto nella campagna alla periferia di Verretto (+45°02.623’, +09°05.852’) dove persero la vita il 2 gennaio 1945, dopo un duro scontro contro 60 brigatisti al comando del colonnello Arturo Bianchi, Ermanno Gabetta (Sandri), Ferruccio Luini, Giovanni Mussini e Pietro Rota. I brigatisti circondano la casupola, ora Sacrario, ma i partigiani respingono ogni intimazione di resa; entrano allora in azione le mitragliatrici pesanti che scoperchiano la casupola. Ermanno Gabetta, benché ferito, continua a sparare protetto da un tubo di cemento in cui si è gettato, ma i colpi di una mitragliatrice pesante sgretola il tubo. Gabetta muore crivellato di colpi. Mussini, ferito, per non cadere vivo nelle mani dei fascisti si uccide. Rota e Luini, gravemente feriti, vengono immediatamente passati per le armi. Poco prima di morire Rota scrive ai genitori: “Mamma e papà, due minuti prima di morire scrivo a voi per dirvi di essere forti, di non piangere e soprattutto di non maledire il mio destino”. La resistenza dei quattro partigiani è durata 5 ore. Ad Ermanno Gabetta è stata concessa la Medaglia d’Oro al valor militare.
 
PARTENZA:
Castelletto di Branduzzo - Viale Cesare Battisti 19
Castelletto di Branduzzo - Viale Cesare Battisti 19...
divisorio_nomi.jpg
 
Tappe intermedie:
Castelletto di Branduzzo - Piazza della Chiesa
Lapide dedicata ai Caduti nella Guerra di Liberazione posta nella piazza della chiesa di Castelletto di Branduzzo ...
divisorio_nomi.jpg
Castelletto di Branduzzo - Cascina Bronzina
Croce posta nel luogo dell'uccisione lungo la s.p. 97 verso Verretto all'altezza della Cascina Bronzina nel comune di Castelletto di Branduzzo ...
divisorio_nomi.jpg
Castelletto di Branduzzo - Cascina Veneta
Croce posta nel luogo dell'uccisione sulla s.p. 97 all'altezza della Cascina Veneta nel comune di Castelletto di Branduzzo ...
divisorio_nomi.jpg
Verretto - Cimitero
Lapide posta nell'atrio di ingresso del cimitero di Verretto...
divisorio_nomi.jpg
 
ARRIVO:
Lungavilla - Sacrario Partigiano
Sacrario Partigiano posto nella campagna nelle vicinanze di Verretto ...
divisorio_nomi.jpg