PIETRE D'INCIAMPO
 
Montecalvo Versiggia - Località Colombato
 
 
 

Monumento posto in località Colombato all'incrocio tra la s.p. 201 e la s.p. 72 nel comune di Montecalvo Versiggia

Lo scontro di Colombato

(tratto da “ La Resistenza e i suoi Caduti tra il Lesima e il PO” di Ugo Scagni  ed. Guardamagna)

“ Una pattuglia numerosa si spinge a Colombato e in essa ci sono persone che hanno il volto mascherato perché probabilmente sono del paese e quindi non vogliono farsi riconoscere.

 I fascisti sanno sicuramente che a Colombato, la sera precedente, diversi partigiani si erano riuniti e, nonostante il pericolo di cattura incombente, avevano festeggiato la nascita dell'anno nuovo, proprio nello stesso locale, di proprietà di Mario Vitali, in cui nel settembre precedente avevano fondato una squadra volante della Tundra.

 Ora essi stanno cercando gli stessi partigiani e quegli abitanti che li hanno aiutati e continuano ad aiutarli malgrado i pericoli a cui vanno incontro.

 Al sopraggiungere dei repubblichini a Colombato, il partigiano milanese Giuseppe Bisighini, che è nascosto nel paese, fugge ma è notato dai nemici. Questi tentano di colpirlo con le loro armi poi per rappresaglia incendiano la cascina dalla quale ritengono che egli sia fuggito.

 Gli altri partigiani che si trovano nelle vicinanze, messi in allarme dai rumori degli spari e dal fumo dell'incendio, accorrono a Colombato per dare battaglia.

 Valentino Dezza e i suoi uomini, arrivati nel paese, cercano di individuare le case in cui sono entrati i nemici.

 I cannetesi salgono da Cascina dell'Oca e si appostano in parte sull'altura di Costa e in parte vanno in prima linea al fianco degli uomini di Dezza.

 Gli stradellini salgono da Poggio di Volpara e tentano di avvicinarsi a Colombato senza far rumore. L'intento di tutti è di sorprendere quei fascisti che sono entrati nelle case a fare razzie, colpirli e poi ritirarsi prima che il grosso dei nemici, rimasto nei pressi della chiesa, possa reagire. Ma l'azione a sorpresa che i partigiani stanno concertando viene purtroppo a mancare nel momento dell'esecuzione, perché una donna del posto, temendo la probabile reazione di rappresaglia dei fascisti, supplica a voce alta gli uomini di Tino di non sparare e le sue parole vengono udite da alcuni repubblichini che senza indugio aprono il fuoco su quei partigiani che si trovano nella posizione più avanzata.

 Questi a loro volta rispondono, ma senza alcun successo, perché i nemici sono al coperto e hanno l'ausilio della mitraglia pesante, che subito entra in funzione dall'altura del castello, senza che i partigiani possano adeguatamente contrastarla in quanto sono sprovvisti di armi a tiro lungo.

 Sottoposti come sono al micidiale martellamento della mitraglia che spara da lontano e al tiro ravvicinato delle armi dei fascisti che si trovano a Colombato, i partigiani da attaccanti si devono trasformare subito in difensori e meditare sul modo di uscire dalla lotta.

 Nel giro di pochissimo tempo la situazione precipita perché l'altra mitraglia che i fascisti hanno appostato sul camion viene fatta avanzare a ridosso degli avamposti partigiani. Questi, di conseguenza, dopo un eroico tentativo di resistenza in cui hanno diversi feriti, devono ripiegare dal luogo dello scontro.

 Mentre avviene questa furiosa sparatoria attorno a Colombato, alcuni fascisti, eludendo la vigilanza dei partigiani appostati in seconda linea, si sono arrampicati sull'altura di Costa, aggirando così tutti i partigiani che combattono nella zona sottostante.

 Dall'alto della collina appena raggiunta, ora anche costoro sparano sui partigiani che stanno affannosamente ripiegando da Colombato e il loro ripiegamento si trasforma in una rotta disordinata nella quale molti cercano di salvarsi senza badare alle sorti dei compagni. In questo cruento e sfortunato epilogo della lotta, tre giovani, Carlo Carini, Ennio Chiesa e Andrea Fusi perdono la vita perché colpiti in combattimento o fucilati dai nemici dopo essere stati fatti prigionieri. Altrettanti sono i feriti che però riescono sottrarsi alla cattura e alla sicura fucilazione prima che il cerchio dei rastrellatori si chiuda.

 Uno, Livio Pontiroli detto Canobbio, è gravissimo e non essendo possibile allontanarlo dal luogo della battaglia, viene prontamente assistito sul posto da un agricoltore di Croce, Mario Agostino Scabini, che non curante del pericolo a cui va incontro, lo nasconde nella sua stalla un attimo prima dell'arrivo degli uomini di Fiorentini.

 A completamento della loro azione, i fascisti minacciano di morte gli abitanti che trovano sul proprio cammino perché ritengono che abbiano aiutato i partigiani a sfuggire alla cattura; poi per rappresaglia bruciano quasi tutte le cascine di Colombato e ad appiccare gli incendi sono quegli uomini mascherati che si erano uniti ai repubblichini al momento del loro arrivo.

 Sta ormai scendendo la sera, una delle tante sere tristi di quel lungo inverno, quando i fascisti finalmente lasciano il paese portando con sé alcuni abitanti tra cui l'ostetrica del paese.

 Dietro di loro, in un generale silenzio fatto di angoscia e di sgomento, arde il gran rogo di Colombato ad illuminare le prime ombre della notte. “

 

 
divisorio_nomi.jpg
 
Coordinate GPS del Luogo del Ricordo:
 
+44.961433, +09.276050
+44°57.686’, +09°16.563’
+44°57'41.16, +9°16'33.78
 
 
Raggiungi il luogo del ricordo, inserisci il luogo di partenza:
Via: Città: Provincia:
 
 
IN RICORDO DI:
 
Calvi Angelo di anni 23
studente, partigiano della Divisione "Masia", V Brigata "Tundra"; nato a Viarigi (Asti) il 5 aprile 1921 e residente a Viarigi; ferito gravemente da un colpo d'arma da fuoco partito accidentalmente dall'arma di un suo compagno, veniva subito portato ...
divisorio_nomi.jpg
Carini Carlo di anni 20
operaio,partigiano della Brigata "Matteotti", poi Divisione "Dario Barni"; nato a Stradella il 6 luglio 1924 e residente a Stradella; fucilato dopo essere stato torturato insieme ai compagni Ennio Chiesa e Andrea Fusi a Costa di Montecalvo Versiggia ...
divisorio_nomi.jpg
Chiesa Ennio di anni 24
operaio, partigiano della Brigata "Matteotti", poi Divisione "Dario Barni"; nato a Arena Po il 22 gennaio 1920 e residente a Stradella; ferito durante il combattimento di Colombato (Montecalvo Versiggia) il 1° gennaio 1945 da militi del...
divisorio_nomi.jpg
Cocchi Giuseppina di anni 12
vittima civile; nata a Montecalvo Versiggia il 3 maggio 1932 e residente a Montecalvo in località Bosco; uccisa nella propria abitazione l'11 marzo 1945 da un colpo di mitraglia sparato da lontano da militi della Sicherheits. ...
divisorio_nomi.jpg
Cremona Bruno di anni 16
Nato a Santa Maria della Versa l'8 maggio 1928 da Celso e Piaggi Enrichetta. Nei registri comuninali di Montecalvo Versiggia risulta iscritto all'anagrafe di questo Comune dal 23 novembre 1939 proveniente dal Comune di Golferenzo. Nel suo certificato...
divisorio_nomi.jpg
Fusi Andrea di anni 19
operaio, partigiano della Divisione "Masia", V Brigata "Tundra"; nato a Alzate Brianza (Como) il 14 febbraio 1925 e residente a Alzate Brianza; catturato durante il combattimento di Colombato (Montecalvo Versiggia) il 1° gennaio 1945 da militi de...
divisorio_nomi.jpg
Maini Pietro di anni 41
contadino, vittima civile; nato a Pecorara (Piacenza) il 2 dicembre 1903 e residente a Rocca de' Giorgi in località Cascina Bertone; fucilato dalla Sicherheits, in località Casone di Montecalvo Versiggia, l'11 marzo 1945. ...
divisorio_nomi.jpg
Martini Mario (Amedeo) di anni 22
ferroviere (manovratore), partigiano della Divisione "Masia", V Brigata "Tundra"; nato a Lucca il 15 ottobre 1922 e residente a Voghera; catturato a Casa Galeotti (Montecalvo Versiggia) da militi della  Sicherheits il 1° genna...
divisorio_nomi.jpg
Pisani Carlo di anni 63
contadino, vittima civile; nato a Golferenzo il 4 gennaio 1891 e residente a Rocca de' Giorgi in località Cascina Buda; fucilato dalla Sicherheits l'11 marzo 1945 in località Casone di Montecalvo Versiggia. ...
divisorio_nomi.jpg
Vercesi Pietro di anni 22
contadino, renitente alla leva; nato a Montecalvo Versiggia in localilà Spagna; ucciso, presso la sua abitazione, nel corso di un rastrellamento della Sicherheits, il 28 dicembre 1944. ...
divisorio_nomi.jpg
 
Elenco Luoghi