PIETRE D'INCIAMPO
 
Mieczyslaw Sasin (Cencio)
di anni
 

Con il nome di battaglia Cencio, Sasin aderisce alla Resistenza entrando tra le fila della divisione Cichero. Il 29 agosto 1944, durante un rastrellamento che investì tutta la zona del Basso Alessandrino e le zone limitrofe, Sasin viene ferito insieme ai compagni Andrea Busi e Giuseppe Arzani. Furono soccorsi e trainati per tre giorni, su slitte da fieno, verso l’ospedale partigiano di Ottone, in val Trebbia. Durante questo tragitto si aggiunse Aliotta, anch’egli ferito. I quattro vennero catturati da truppe germaniche, che promisero loro la salvezza in riconoscimento del buon trattamento ricevuto dai tedeschi feriti e fatti prigionieri a Rocchetta Borbera. Ma, quando li consegnarono alla brigata nera di Genova nelle vicinanze di Zerba, i partigiani vennero trucidati, distesi sulle loro lettighe, col lancio di bombe a mano.

Dal libro”A COLORO CHE VERRANNO I PARTIGIANI DI VOLPEDO, CASALNOCETO E POZZOL GROPPO” ed. Vicolo del Pavone – a cura di Tiziana Crimella e Roberto Capelletti

Questa la testimonianza di Tecla Lombardi, la partigiana "Olga” che ha assistito alla scena del massacro insieme ad Alessandro Semini, viguzzolese e partigiano con il nome di "Repubblica":
Quando mi avvicinai per salutare i feriti, vidi Aliotta impassibile, lo sguardo verso i suoi carnefici. Silurino si era calato il cappello di paglia sugli occhi, anche lui sembrava sereno. Cencio invece invocava la mam¬ma e io cercai di rincuorarlo. Non riuscivo a staccarmi da loro. In ultimo mi avvicinai a Chicchirichì e questo fu per me il momento più difficile. Mi abbracciò e, vedendo che non riuscivo a trattenere le lacrime, disse "Non mi importa di morire”. Io dissi che le Brigate Nere avevano pro¬messo di portarli in un ospedale. Rispose che non era un bambino e che moriva tranquillo, poi disse «Cerca di farlo sapere a mia mamma, anzi è tutto inutile, questi assassini uccideranno anche te». fui spinta da una Bigata Nera. Chicchirichì mi afferro una mano e mi disse ancora: «Il tuo, Olga, è l'ultimo viso amico che vedo», mi lasciò la mano e un istante dopo lo sentii dire ad alta voce: «Fate presto vigliacchi». Solo in quel momento mi resi conto che li stavano assassinando. Sembrava che i colpi e le raffiche non dovessero più finire; disperata gridai in faccia a quegli assassini tutto il mio disprezzo. Mi trascinarono via. Vidi in fondo alla strada Repubblica che piangeva e lo raggiunsi. Ci fecero proseguire verso la "Val Trebbia. Le Brigate Nere cantavano «Chicchiri¬chì non canta più»,Il loro canto copriva il pianto di Repubblica e il mio.

 
 
Clicca sulla mappa per vedere tutti i dettagli sul luogo del ricordo.
 
 
RICORDATO NEI SEGUENTI LUOGHI:
 
Zerba (Piacenza) - LocalitÓ Cerreto
Monumento posto nel luogo dell'uccisione in località Cerreto nel comune di Zerba (Piacenza)...
 
Coordinate GPS del Luogo del Ricordo:
+44.648650, +09.297350
+44░38.919', +09░17.841'
+44░38'55.1, +09░17'50.5
 
divisorio_nomi.jpg
 
Elenco Caduti